Lettori fissi

sabato 1 febbraio 2014

Pointe du Raz

Spesso gli amici mi chiedono quale sia il faro più bello che io abbia visitato,
la scelta è molto difficile,
soprattutto dopo quelli esplorati l'estate scorsa,
di una cosa sono certa,  Pointe du Raz è nella Top 10.
 
 
I luoghi sembrano diversi a seconda del proprio stato d'animo,
almeno a me succede così,
negli anni sono tornata più volte in questo luogo
e la sua bellezza rimane immutata.
 
Sono arrivata qui la prima volta in un tardo pomeriggio di fine settembre,
percorrendo a piedi un piccolo tratto della Grande Randonnée n° 34,
ero stanca e dopo aver visitato in lungo e in largo il Pointe du Raz
ho aspettato il tramonto seduta atterra vicino al muro di cinta del faro,
al riparo dal vento.
 

Ad un tratto sbucò un cane da pastore,
in un primo momento mi spaventò,
ma subito capii che le sue intenzioni erano pacifiche.
Rimase li seduto accanto a me una decina di minuti
poi dall'angolo apparve un vecchio barbuto e zoppicante
(all'epoca mi sembrò un vecchio,
ma ripensandoci avrà avuto l'età che ho io adesso),
il cane gli andò incontro,
l'uomo mi sorrise e mi disse qualcosa in francese che io non capii,
me lo ripetè in inglese:
"Va tutto bene?",
io risposi: "si, grazie!",
continuò: "sei sicura vada tutto bene?",
ed io: "si, tutto bene, grazie!",
mi sorrise nuovamente e come era arrivato se ne andò con il suo cane.
In tutto quel tratto di brughiera c'eravamo solo noi tre.
Anche per me era arrivato il momento di ripartire,
prima che il buio calasse sulla scogliera dovevo raggiungere il mio alloggio.
 
Spesso ripenso a quello strano incontro
e al perchè mi sia rimasto così impresso.
A volte i viaggi in solitaria fanno strani effetti.
 

 
Sulla costa bretone si incontrano tanti e spettacolari fari
ma qui la statua di Notre Dame des Naufragés fa la differenza.
 
Questa grande statua di marmo di Carrara fu scolpita
dallo scultore polacco Cyprian Godebski,
come omaggio ai marinai dispersi,
fu posta a 200 metri dalla punta estrema
e qui sopravvive alle tempeste dal 1904.
 


La preghiera posta alla base cita:
"Soccorrimi, o Dio, al Raz:
la mia nave è così piccola
e il mare è così immenso".
 


 
 


 
Da qui parte il Sentiero Europeo 5
che collega Pointe du Raz a Venezia,
un percorso di ben 3050 km.

 
CURIOSITA'
 
Mi ricordavo di un piccolo hotel arroccato sulla scogliera del Pointe du Raz:
l'Hotel de l'Iroise.
Ma nelle mie due ultime visite l'hotel non c'era.
In un negozio di souvenir,
vedendo una cartolina che lo raffigurava,
ho chiesto informazioni e mi hanno raccontato la sua storia:
l'hotel fu aperto nel 1950,
nel 1989 il governo francese istituì al Pointe du Raz un parco nazionale
e decisero che tutti gli edifici al suo interno dovevano essere abbattuti,
dopo anni di battaglie e petizioni della proprietaria Marie Le Coz,
il 6 febbraio 1997 in meno di mezz'ora,
l'hotel fu demolito dai bulldozer.
 




Ma un luogo così delizioso che male poteva fare?
Quanti obbrobri dovremmo demolire nel nostro paese?
 


E dopo questo racconto sconclusionato
di tanti ricordi messi insieme
e queste immagini poco chiare perché sono vecchie foto scannerizzate,
auguro a tutti voi di fare un salto a Pointe du Raz.
 
Un abbraccio
Angela


22 commenti:

  1. Bellissimo Angela, un post così ci voleva in questa
    brutta mattinata piovosa!! Anch'io anni fa ci sono stata
    ed è uno dei posti più suggestivi che ho mai visto,
    ne ho un bellissimo ricordo.......
    Love Susy x

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il momento niente viaggi all'orizzonte allora mi tuffo nei ricordi.
      Un abbraccio
      Angela

      Elimina
  2. Non so se mi capiterà mai l'occasione di vedere questo luogo.... ma sono contenta di averlo visitato attraverso i tuoi occhi.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima,
      salta sul primo treno per Parigi, la Bretagna è dietro l'angolo.
      Angela

      Elimina
  3. Il tuo racconto lo rende ancora più bello…pieno di emozioni e ricordi…e quell'hotel…un vero peccato non ci sia più…
    Un abbraccio
    Ci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Cinzia,
      ogni tanto tradisco l'Irlanda,
      ma il panorama anche qui è favoloso.
      Angela

      Elimina
  4. Ciao Angela, è stato piacevolissimo, come sempre, leggere questo post.
    Ti mando un abbraccio e buona domenica
    Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Susanna,
      grazie per la tua visita e buon fine settimana anche a te.
      Angela

      Elimina
  5. Cara Angela il tuo racconto non è affatto sconcluisionato e ti ammiro per il viaggio in solitaria,
    ci vuole del coraggio, complimenti! Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non me ne vogliano i miei compagni di viaggio che si sono alternati in tutti questi anni,
      ma i viaggi in solitaria sono quelli che mi sono rimasti nel cuore,
      è come conquistare i luoghi per la prima volta,
      soprattutto quando non c'erano internet, cellulari, gps, etc e si girava solo con una mappa nello zaino.
      Un abbraccio
      Angela

      Elimina
  6. E invece il tuo racconto mi è piaciuto, mi ha rapita e per un attimo mi è sembrato di vivere quello strano incontro con te. Hai visitato luoghi incantevoli, speciali e si sente che in te hanno lasciato un segno profondo. Grazie Angela, non sai cosa per me è stato stasera lasciarmi al tuo bellissimo racconto. Grazie di cuore. Un abbraccio. Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Paola,
      grazie per le tue splendide parole.
      Un abbraccio
      Angela

      Elimina
  7. Adoro tutta la Francia, ma questa parte in modo particolare!!

    Buona domenica
    Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cinzia,
      hai proprio ragione la Bretagna è fantastica.
      Angela

      Elimina
  8. Non mancheremo di passarci! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Anna,
      la Lola troverà la strada da sola per questo posto incantevole.
      Angela

      Elimina
  9. Bellissime foto.

    Buona domenica cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Kylie,
      grazie e buona domenica anche a te.
      Angela

      Elimina
  10. Me lo ricordo anch'io quell'albergo! Ci sono stata nel'94, splendidi luoghi e un'atmosfera speciale, come tutta la Bretagna, del resto. Devo portarci mio marito...
    Ciao Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patrizia,
      la Bretagna è un magico luogo da condividere.
      Angela

      Elimina
  11. Che bello il tuo vagare nei ricordi, hai ragione sulla demolizione di quel delizioso albergo!
    Suggestiva la preghiera ed il tuo incontro.
    Viaggio con te. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti a bordo si parte per la Bretagna.
      Magari.
      Buona domenica
      Angela

      Elimina

Grazie infinite per il tuo commento